Portogallo on the road: parte 2

Ci stiamo addentrando nell’Algarve, amando i suoi luoghi nascosti dal turismo di massa e odiando la cementificazione senza scrupoli della sua costa.

Il Parque Natural da Ria Formosa, la laguna che si estende a sud di Olaho e Faro, merita sicuramente di essere vista ed assaporata con una gita in barca. Noi abbiamo optato per una barca a vela, costruita come ben ci ha descritto il Capitano Carlos, con i metodi tradizionali. L’escursione è molto interessante per farsi un idea della laguna e dell’avifauna che dimora in questa zona. Il programma prevede anche una sosta all’Ilha de Culatra: essa si raggiunge solo via mare ed è abitata stabilmente da 900 persone, per lo più pescatori e famiglie di essi.
Per chi volesse fare la stessa gita, ecco i contatti di Carlos: www.carlosboattours.com. Noi lo consigliamo perchè è una persona splendida e disponibile a rispondere a tutte le domande che vorrete fargli.

Tornati a riva merita un’occhiata anche Olaho, con le sue viuzze e case basse in stile moresco. Stesso discorso vale per Faro, la capitale dell’Algarve: il centro cittadino protetto dalle mura romane è piacevole, ben conservato e tutelato.

Dicevamo fuori dalle rotte turistiche. Si perchè Salir e Alte, due piccoli paesi nella Serra do Caldeirao, sono ancora poco conosciuti. Il primo, dorme sonnacchioso ai piedi delle rovine di un castello; il secondo più movimentato possiede vicoli interessanti con le classiche case basse bianche. Per arrivarci percorriamo la N2 che poi si interseca con la N124: molto panoramica è visibile la lavorazione delle piante da sughero.

Torniamo, purtroppo, alla civiltà per fare un bagno, precisamente dalla famosa Praia da Rocha a Portimaio: essa sarebbe splendida, ma la massa di bagnanti e la cementificazione ne rovinano il fascino.

Identico discorso lo possiamo fare per Lagos: anche in questo caso l’edilizia ha avuto il sopravvento con parecchi hotel (alcuni dei quali abbandonati e diroccati…) che sovrastano le splendide spiagge di questa zona: Praia do Camilo, Praia Dona Ana, Praia Grande sono tra le più rinomate di tutto l’Algarve. Ma la vera perla di questa zona è la Ponta da Piedade: un susseguirsi di grotte, anfratti, camini e strane forme rocciose di color ocra che contrastano con il cielo azzurro e l’oceano blu. Per gustare appieno di questa meraviglia consigliamo una gita in motoscafo.

Portogallo parte 1
Portogallo parte 3
Portogallo parte 4
Portogallo parte 5
Portogallo parte 6

Autore dell'articolo: Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.